Spunti per una vacanza sostenibile

Siamo già nel pieno delle vacanze pasquali e di questo lungo ponte che quest’anno potrebbe permetterci di fare una vera e propria pausa, magari in qualche città italiana o europea, oppure concederci un po’ di relax al mare o in montagna, alcuni addirittura potrebbero spingersi fuori europa, per un viaggio all’avventura!

E’ sempre affascinante esplorare e conoscere posti nuovi nel mondo, rilassarci durante una passeggiata in spiaggia o in un sentiero di montagna, abbracciati dalla natura. Dobbiamo però ricordarci di non dare per scontato ciò che ci circonda, anzi, tutto è strettamente intrecciato ai nostri stili di vita e all’ abuso che negli ultimi decenni stiamo facendo delle risorse, con una generale noncuranza verso la salute del pianeta.

Perché quindi non prendere in considerazione l’idea di spostarci il più possibile in treno verso le nostre destinazioni? Alternativa molto meno impattante rispetto alla macchina o all’aereo. Se però si decide comunque di optare per la macchina e c’è qualche posto disponibile a bordo, perché non offrire un passaggio e fare car sharing? Questa potrebbe essere un’ottima opportunità per conoscere persone, condividere un viaggio e, contemporaneamente, ridurre il numero di macchine in strada!

Una volta in città, cerchiamo di passeggiare o privilegiare l’utilizzo della bicicletta, soprattutto per raggiungere le attrazioni più lontane dal centro, talvolta noleggiare la bici può rivelarsi l’opzione migliore per godersi la città.

Per pranzo, perché non organizzare un pic-nic o mangiare un panino al parco, scaldati dal sole? Oltre ad un risparmio in termini economici ed energetici, si potrebbe gustare appieno l’atmosfera e la vita della città.

Se invece decidiamo di pranzare o cenare al ristorante, cerchiamo di scegliere soprattutto prodotti locali. In questo modo assaporiamo la reale cultura culinaria del posto e favoriamo l’abbattimento delle emissioni legate all’importazione di cibi e materie prime!

Ultimamente il concetto di “vacanza sostenibile” sembra sempre essere associato al concetto di rinuncia e quindi di vacanza limitata e meno divertente. In realtà, è il nostro modo di vivere che ci ha portato ad eccedere e a perdere il contatto con ciò che dobbiamo realmente tutelare. In un mondo in cui tutto deve essere comodo e a portata di mano, in cui il tempo è tiranno anche in vacanza, potrebbe essere stupefacente provare a rallentare i ritmi e a goderci la vita con la tranquillità che merita.

Condividi su:
Torna su