Qual è il mezzo di trasporto che inquina di più?

I trasporti svolgono un ruolo fondamentale nella società di oggi. Infatti la nostra qualità di vita è molto migliorata rispetto al passato, grazie alla presenza di mezzi di trasporto efficienti e accessibili. Però, allo stesso tempo, i trasporti contribuiscono al cambiamento climatico, all’inquinamento atmosferico, oltre che acustico. 

Mentre la maggior parte degli altri settori economici negli ultimi anni ha ridotto le proprie emissioni, il settore dei trasporti sviluppa ancora più di un quarto delle emissioni totali di gas a effetto serra in Europa, nonostante l’introduzione degli standard europei sulle emissioni dei veicoli e l’uso di tecnologie introdotte nell’ultimo decennio. Questo rende i trasporti un grosso ostacolo alla realizzazione degli obiettivi di protezione del clima dell’Unione Europea.

Se le automobili, i furgoni, i camion e gli autobus producono oltre il 70% delle emissioni complessive di gas serra derivanti dai trasporti, il mezzo più inquinante è sicuramente l’aereo che, per quanto sia comodo e veloce, ha un impatto atmosferico molto negativo. Per comprendere i livelli di inquinamento provocati da questo mezzo di trasporto, basta pensare che un volo da Lisbona a New York andata e ritorno genera all’incirca lo stesso livello di emissioni di un cittadino europeo che riscalda la propria casa per un anno intero, in quanto gli aerei rilasciano ossidi di azoto, vapore acqueo e particelle di solfato e fuliggine ad alta quota, che hanno un effetto climatico significativo.

Inoltre, il trasporto aereo è una delle fonti di emissioni di gas serra in più rapida crescita. Infatti l’Organizzazione per l’aviazione civile internazionale (International Civil Aviation Organization, ICAO) prevede che entro il 2050 le emissioni dell’aviazione internazionale potrebbero triplicare. Per questo motivo l’Unione Europea si sta già attivando per ridurre le emissioni del trasporto aereo e sta collaborando con la comunità internazionale per sviluppare misure a livello globale.

Quali sono le possibili soluzioni?

Sono state individuate tre aree prioritarie di azione:

  • Aumentare l’efficienza del sistema di trasporto sfruttando al massimo le tecnologie digitali, la tariffazione intelligente e incoraggiando ulteriormente la scelta di mezzi di trasporto meno inquinanti.
  • Accelerare la diffusione di energie alternative a basse emissioni per alimentare i mezzi, come biocarburanti avanzati, elettricità, idrogeno e combustibili sintetici rinnovabili.
  • Accelerare la transizione verso veicoli a basse e zero emissioni.

Alcune città europee, per attuare queste soluzioni, stanno già proponendo incentivi per energie e veicoli alternativi a basse emissioni, incoraggiando gli spostamenti in bicicletta e a piedi, ma anche usando i trasporti pubblici e i sistemi di biciclette e car-sharing per ridurre l’inquinamento.

Fonti: https://ec.europa.eu/clima/policies/transport_en

https://ec.europa.eu/clima/policies/transport/aviation_en

https://www.icao.int

Foto da https://www.pexels.com/it-it/

Condividi su:
Torna su