Belabs presenta il progetto Fast Covid-19 Identifier

L’azienda Belabs srl intende intraprendere il progetto di ricerca e sviluppo Fast Covid-Identifier volto alla realizzazione di un dispositivo atto ad identificare la presenza di contagio da COVID-19.

L’idea dell’azienda nasce dalla situazione di difficoltà sociale ed economica in cui viviamo da più di un anno. Infatti, l’infezione da Covid-19 si è diffusa molto velocemente, sia in Italia, sia negli altri Paesi del mondo, fino a interessare gran parte della popolazione mondiale, sia dal punto di vista del contagio, sia dal punto di vista economico, dato che i lock-down hanno colpito fortemente le economie dei Paesi.

Pertanto, Belabs srl ha progettato il sistema Fast Covid-19 Identifier. L’obiettivo è di utilizzare tecniche e tecnologie consolidate per l’analisi della composizione dell’aria in tempo reale, in modo da rendere fattibile uno screening sincronico e capillare della popolazione. Questo intende applicare metodi e modelli predittivi per una più efficace gestione dei contagi e dei periodi di quarantena, in modo da portare un grande risparmio non solo di tempo, ma anche di risorse economiche. Al contempo intende ridurre il rischio di diffusione del contagio e di nuove ondate epidemiche post-riapertura.

Inoltre, il progetto verte ad alleggerire il sistema sanitario nazionale e tutte le strutture che attualmente si occupano di eseguire tamponi. Quindi non solo le strutture sanitarie, ma anche tutti i luoghi in cui, per questioni di sicurezza, è necessario monitorare le persone in entrata e in uscita. Ad esempio, le frontiere, gli aeroporti, le stazioni ferroviarie, le strutture pubbliche, gli uffici e le fabbriche. Per giunta, il nuovo sistema di test costituisce un modo più efficace di individuare soggetti asintomatici, che attualmente non sono individuabili dal solo test termometrico.

Fast Covid-19 Identifier

Cos’è Fast Covid-19 Identifier?

Concretamente, Fast Covid-19 Identifier sarà un’apparecchiatura trasportabile su carrello e costantemente connessa a un server. Esso analizzerà i dati in ingresso e non necessiterà di un contatto diretto con i soggetti da testare. Infatti la diagnosi avverrà soltanto grazie all’espirato del soggetto da analizzare. Dunque, si tratta di un test diagnostico rapido e non invasivo. Consentirebbe di arginare i contagi e di prevenire possibili focolai epidemici, oltre che di studiare l’epidemicità e il comportamento del virus. Inoltre, questo sistema potrà essere aggiornato per identificare nuove forme di virus.

Il prototipo realizzato ha inoltre ha verificato sperimentalmente la possibilità di utilizzare la spettrometria ad assorbimento su matrice aerea anche in ambiti che esulano da quelli dell’industria chimica.

Con questo progetto, l’azienda ha deciso di prodigarsi per la ricerca e lo sviluppo di soluzioni innovative per sopperire alla diffusione del contagio da Covid-19. Pertanto, Belabs srl è alla ricerca di aziende interessate all’innovativo sistema Fast Covid-19 Identifier che possano portare il progetto sul mercato.

Il progetto è stato co-finanziato dal Fondo Europeo di sviluppo regionale nell'ambito del bando “Progetti di ricerca e innovazione per lo sviluppo di soluzioni finalizzate al contrasto dell’epidemia da Covid-19” della regione Emilia-Romagna per il programma operativo regionale FESR 2014-2020. 

Foto da iStock

Condividi su:
Torna su