BeLabs Prototipo Campionamento Automatico

Progetto: Sistema campionamento automatico

Agosto, tempo di vacanze… ma in BeLabs non ci si ferma mai e proprio in questa giornata abbiamo consegnato il nostro ultimo prototipo, un sistema campionamento automatico destinato ad un impianto industriale.

Il prototipo completato

Il sistema verrà installato nei prossimi giorni nell’impianto di un nostro cliente dove verrà sottoposto ad un ciclo di test in campo, impegnativi per hardware e software date le condizioni operative estreme in cui si troverà ad operare, che fanno seguito ad intense settimane di prove in laboratorio fatte qui a Bologna.

Cosa fa il sistema di campionamento automatico

Il progetto è destinato ad automatizzare le operazioni di campionamento da un impianto per rendere tale pratica, piuttosto lunga e da ripetersi più volte nel corso della giornata, più semplice, precisa e sicura.

In breve i punti di forza del sistema sono:

  • identificazione del campione in modo univoco tramite tag RFID
  • catalogazione dell’operazione di campionamento da parte del sistema di logging acquisendo il tag del contenitore, registrando identità dell’operatore che ha effettuato il campionamento, i dati ambientali correlati
  • controllo automatico da parte del software delle valvole a monte della presa di campionamento per selezionare correttamente flusso e durata del riempimento del campione
  • interrogabilità da remoto delle operazioni in corso, con possibilità di ricevere alert in caso di problemi durante le operazioni di campionamento
  • invio automatico dei report di lavorazione al centro di raccolta dati remoto

Un sistema così congegnato, inoltre, permette di adattarlo a svariati ambiti di utilizzo tramite l’utilizzo di tecnologie consolidate e nuove, in un blend che assicura affidabilità e risoluzione ottimale del problema presentato.

Tecnologie impiegate

Il cuore del sistema è un minicomputer programmato in Java, una scheda Rabbit per il controllo analogico delle valvole e dei valori di temperatura e pressione, un sistema antenna per acquisire segnali RFID.

I tag RFID sono utilizzati sia per l’identificazione univoca del contenitore del campione ma anche dell’operatore che avvia le operazioni, per poter tracciare tutto il ciclo operativo di campionamento dall’inizio alla fine, in modo preciso e senza “buchi” di registrazione o potenziali errori umani di trascrizione/scambio campioni/dimenticanze di firme eccetera.

Cosa potrebbe fare BeLabs per voi?

Se anche voi avete una necessità simile o siete alla ricerca di una prototipizzazione elegante per un’attività ripetitiva che necessita di precisione e documentabilità nel tempo… contattateci e parlatene con noi, potremmo avere la soluzione che fa al caso vostro!

Condividi su: